Esorcismi famosi

fr3

Madre Teresa di Calcutta ha subito un esorcismo nel 1997 dopo un attacco di insonnia attribuito al diavolo. Lo ha rivelato l’arcivescovo di Calcutta Henry D’Souza dichiarando che il rito durò mezz’ora presso l’ospedale di Calcutta (India) dove la suora era stata ricoverata per un problema di cuore prima di sua morte – il 5 settembre 1997 – all’età di 87 anni. Secondo l’arcivescovo l’esorcismo ha rivelato il lato umano di madre Teresa come «un segno di vicinanza a Dio». L’arcivescovo D’Souza a quel tempo era ricoverato nello stesso ospedale. Quando il medico lo ha informato che la suora stava avendo difficoltà a dormire, l’arcivescovo ha temuto che potesse essere posseduta. «Quando i medici ha detto che non riusciva a trovare una ragione medica per la sua insonnia, ho pensato che potesse essere aggredita dal diavolo» ha riferito il prelato Henry Sebastian D’Souza. «Voleva calmarsi e ho chiesto un sacerdote, in nome della Chiesa, per eseguire una preghiera di esorcismo su di lei. Lei accettò felicemente». L’esorcista ha recitato su Madre Teresa una “preghiera di protezione” da Satana. Il sacerdote di origine siciliana Rosario Stroscio – oggi novantacinquenne – che ha eseguito l’esorcismo, ha riferito che Madre Teresa si comportava stranamente prima che iniziassero le preghiere speciali. «Era un po’ frastornata e si comportava stranamente» – ha detto. «Forse madre Teresa era molestata da Satana. Ma dopo le preghiere, lei si calmò». Madre Teresa di Calcutta (1910-1997) – premio Nobel per la pace nel 1979 – è stata proclamata beata nel 2003.

 

Il pittore Salvador Dalì fu esorcizzato in Francia da Padre Gabriele Maria Bernardi nel 1947. I due si incontrarono nel 1940, dopo che padre Berardi fu espulso dal suo ordine religioso.

 

Nel 2007, in Nuova Zelanda, una giovane ragazza di nome Janet Moses morì per annegamento mentre i membri della sua famiglia le versavano acqua in gola. Nove persone sono state accusate di omicidio colposo. Janet fu uccisa da una cerimonia di esorcismo Maori chiamata “makutu” finita male. Dopo non essere riusciti a spezzare la maledizione con incantesimi (“karakia” in lingua Maori) la sua famiglia gettò acqua nel volto della ragazza. La cerimonia durò per tre giorni, durante i quali fu usata così tanta acqua da allagare la cucina.

 

Vi sono storie contrastanti riguardo la provenienza dello “spirito del male”. Una fonte dice che i sintomi della possessione si materializzarono poco dopo che la morte della nonna. Altri affermano che un anziano Maori – conosciuto come un “kaumatua” – mise in guardia a famiglia che fintanto che il leone di pietra rubato in pub delle vicinanze dalla sorella di Janet non fosse stato restituito, sua sorella sarebbe rimasta posseduta. Anche se il leone è stato sostituito la giovane ragazza ha continuato a comportarsi in modo strano, il che portò all’esecuzione dell’esorcismo e, tragicamente, alla morte della giovane.

 

Nel 2005 è stata crocifissa una suora in un convento romeno: «La vita di Irina rallentava, loro stringevano un po’ di più le catene ai polsi e alle caviglie. I suoi occhi faticavano a rimanere aperti, loro annodavano più forte il bavaglio. C’era da stare attenti, si ripetevano l’un l’altra, a “quella creatura posseduta dal diavolo” perché anche in quelle condizioni, su una croce improvvisata con vecchi pali, aveva continui “incontri con gli spiriti maligni”. Così suor Irina Maricica Cornici è rimasta crocifissa, in un vecchio capanno, per tre giorni e tre notti, finché il suo cuore si è fermato. Aveva ventitré anni e il “torto” di essere malata di una schizofrenia che alcune sue consorelle hanno interpretato come “l’intrusione di Satana” nel suo corpo. Siamo nella provincia romena di Vaslui, monastero ortodosso di Tanacu. Lunedì scorso suor Irina è in preda a una crisi schizofrenica. L’ abate Daniel Corogenau e quattro giovani suore emettono una diagnosi: “È posseduta dal diavolo”. La terapia è automatica: “Serve un atto di esorcismo”. Il calvario di suor Irina comincia quello stesso giorno. Viene lasciata nella sua cella, legata mani e piedi al letto con delle corde, senza cibo né acqua per ore. Ma anche in questo modo “il diavolo” sembra non abbandonarla. Al contrario, ogni volta che qualcuno si avvicina al suo letto lei ha delle reazioni violente. Per questo, quando è ormai notte, si passa a un “rimedio” più duro “contro il demonio”. La ragazza viene incatenata a una croce e abbandonata in un vecchio capanno accanto al monastero dalle quattro consorelle alle quali l’abate aveva affidato il compito di “salvarla”. Nella sua bocca le suore spingono il lembo di un asciugamano che poi le legano forte dietro la testa. Lei si contorce, respira a fatica. Ma per loro e per padre Daniel è un buon segno: prima o poi gli spiriti maligni se ne sarebbero andati, predicono. Suor Irina resiste fino alla notte fra mercoledì e giovedì. L’autopsia dirà poi che è morta per “insufficienza cardio circolatoria” . Padre Daniel e le quattro consorelle sono indagate per sequestro e omicidio ma la gente del villaggio di Tanacu li difende. Tanto da organizzare una mini sommossa quando i rappresentanti del patriarcato ortodosso sono arrivati al monastero per privare padre Daniel del diritto di celebrare messa dopo la morte della suora». Il venti giugno 2005 sono stati celebrati «nel villaggio natale di Perieni, nella Romania orientale, i funerali di Irina Maricica Cornici, la suora di ventitré anni morta crocifissa, la scorsa settimana, nel monastero ortodosso di Tanacu durante un rito di esorcismo. Padre Daniel Corogenau e le quattro suore accusate del sequestro e dell’ omicidio di Irina Cornici, rischiano ora fino a venticinque anni di carcere per privazione della libertà e omicidio. Indagati tutti e cinque a piede libero, ieri sono stati nuovamente interrogati e hanno ripetuto: “Non era schizofrenica, come dicono i medici. Tremava quando si avvicinava ai crocefissi, era posseduta dal diavolo”».

 

L’esorcismo di 13 anni Robbie Mannheim, è stato l’ispirazione per il film «L’esorcista». L’evento reale è avvenuto nel 1949. Robbie rimase presumibilmente posseduto dopo l’utilizzo di una tavola Ouija di lettere e numeri per interrogare gli spiriti, durante i mesi successivi alla morte della zia. Dopo una serie di avvenimenti inspiegabili, presumibilmente soprannaturali, la famiglia di Robbie chiese a reverendo Luther Miles Schulze di osservare il bambino. Di notte notte, Schulze vide il lettino vibrare, vide una grande poltrona girarsi da sola su un fianco e sentì graffiare sulle pareti della stanza. Riferì il fatto a padre Edward Hughes, che eseguì l’esorcismo su Robbie. Durante l’esorcismo, Robbie estrasse una molla dal letto e con questa aggredì il sacerdote. Hughes ebbe bisogno di più di 100 punti per guarire dalla ferita. Dopo un periodo di tregua, il ragazzo subì un secondo esorcismo a St. Louis che durò sei settimane. Secondo testimoni, scosse il letto e gli oggetti volavano per la stanza. In seguito Robbie ha continuato ad per avere una vita relativamente normale, si è sposato, ha avuto avere figli ed è diventando nonno.

 

Il libro «Vattene Satana» dell’autore tedesco reverendo Carl Vogl tratta della possessione di Anna Ecklund a cavallo del XX secolo. Ecklund è nato in Iowa nel 1882 e cresciuto come cattolico. Il campanello d’allarme della possessione ha iniziato a squillare quando Ecklund sviluppò una repulsione per gli oggetti sacri, rifiutava di entrare in chiesa e iniziò a parlare di atti sessuali osceni all’ età di 14 anni. Fu mandata a vivere con sua zia Mina, una donna sospettata di essere una strega. Molti credettero che Mina causò la possessione della Ecklund aggiungendo delle erbe nei suoi pasti. Padre Theophilus Riesinger, un frate cappuccino dal Wisconsin, eseguì il primo esorcismo nel 1912. Tuttavia, Ecklund subì la possessione ancora nel 1928, quasi due decenni dopo il primo esorcismo.

 

Ancora una volta, padre Theophilus eseguì il rituale, utilizzando un vicino convento di suore francescane. Ecklund rifiutò il cibo benedetto offertole e sibilò come un gatto. L’esorcismo è durato 23 giorni, durante il quale la ragazza era così forte che doveva essere trattenuta da sei suore. Inoltre parlava senza muovendo le labbra, urinava interi secchi di urina, insultava e scherniva le monache sulla loro vita personale e predisse (erroneamente) che uno dei sacerdoti presenti sarebbe morto in un incidente d’auto. L’esorcismo è stato un successo: la mattina del 23 dicembre 1928, la possessione di Anna Ecklund era finalmente cessata.

 

Anneliese Michel

 

Originaria di Klingenberg, Germania, Anneliese non era la tipica persona giovane. La famiglia cattolica di Anneliese era molto devota e rigida. Nel 1960, mentre molti degli amici di Anneliese uscivano con gli amici a bere lei dormiva su un freddo pavimento di pietra facendo penitenza per i peccati di sua madre (Anna Michel aveva dato alla luce una figlia illegittima nel 1950). All’età di 17 anni, Anneliese soffriva di convulsioni. Nonostante le fosse stata diagnosticata l’epilessia grande male, alcuni dei suoi sintomi erano spiegabili, come le allucinazioni uditive che Anneliese sentiva durante la preghiera. Queste allucinazioni uditive le dicevano che lei era “maledetta” e che lei sarebbe “marcita all’inferno.” Dal 1973 soffriva di una grave depressione, e anche se era stato richiesto per lei un esorcismo al prete locale, due volte è stato negato. Anneliese eseguiva 600 genuflessioni al giorno (piegando il ginocchio a terra, che le provocò la rottura dei legamenti del ginocchio). Abbaiava come un cane per due giorni, mangiava ragni, leccava la propria urina e morsicava la testa di un uccello morto. Anneliese mostrava segni di schizofrenia, ma lei e la sua famiglia rifiutarono l’intervento medico. Nel 1975, Anneliese chiese un altro esorcismo e il vescovo di Wurzburg – Josef Stangl – accettò la sua richiesta. Un prete locale suggerì che Anneliese fosse posseduta da sei spiriti demoniaci, tra cui Lucifero, Giuda Iscariota, Nerone, Caino e Adolf Hitler. Fu sottoposta a 67 riti di esorcismo per nove mesi. Alla fine morì nel 1976 a causa dei digiuni che si autoimponeva — un disperato tentativo di liberarsi dalla stretta di Satana. Le sue ultime parole furono “Mamma, ho paura.”

 

I genitori di Anneliese furono messi sotto processo per l’omicidio della figlia e, insieme a due sacerdoti che eseguirono l’esorcismo, furono condannati per omicidio colposo. Tutti e quattro avuto la sospensione della pena di sei mesi di carcere e libertà vigilata tre anni. Sua madre affermò di non rimpiangere di aver chiesto l’esorcismo perché «aveva le stimmate e questo era un segno di Dio». La madre affermò anche che Anneliese «morì per salvare altre anime perdute e per espiare i loro peccati». Il film L’esorcismo di Emily Rose è vagamente basato sulla storia di Anneliese.

 

Nel 1906 a Umzinto, in Sud Africa, padre Erasmus Horner ha ascoltato una strana confessione Horner. Clara Germana Cele, membra della missione cattolica di Marianhill riferì a padre Horner di aver fatto un patto con il diavolo. Clara viveva nella missione dall’età di quattro anni. Padre Horner non credette alle parole di Clara, che però iniziò a comportarsi stranamente. Si stracciava i vestiti, ringhiava, parlava con amici immaginari in lingue che no conosceva, scaraventava delle suore attraverso la stanza, e emetteva terribili urla che una suora descrisse come «un vero e proprio branco di belve orchestrato da Satana». Morsicò un suora, lasciandole dei segni simili a quelli di un serpente. Padre Horner cedette ed eseguì un esorcismo. Riuscì ad espell lo spirito malvagio da Clara. Il demone annunciò che avrebbe lasciato il corpo di Clara dopo aver fatto levitare il suo corpo e così fu. Il demone tornò nel gennaio 1907, ma fu cacciato ancora una volta per non tornare mai più.

 

Michael Taylor, dalla città inglese di Ossett, era un membro del gruppo locale Christian Fellowship. Nel 1974, Taylor iniziò a comportarsi stranamente verso la responsabile del gruppo, Marie Robinson. Era aggressivo e spesso arrabbiato senza un motivo apparente. Col passare dei mesi, Taylor ammise finalmente di sentire il diavolo dentro di lui. Alla fine, il vicario locale intervenne e decise di eseguire un esorcismo su Taylor. La sessione notturna fu un successo, espellendo un totale di 40 demoni da Taylor. Purtroppo, la storia non finisce qui. Si pensava che Taylor non fosse più posseduto, ma era convinto che era la moglie 29enne lo fosse. Quella notte la assassinò brutalmente, strappandole gli occhi e la lingua. Poi corse in strada nudo e coperto di sangue, gridando, «È il sangue di Satana». Taylor è stata scagionato dell’omicidio della moglie a causa di infermità mentale, ma condannato a trascorrere due anni a Broadmoor, l’ospedale psichiatrico di massima sicurezza.

 Giorgio Nadali

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.