Diavolo, Santi e travestimenti

Diavolo, Santi e travestimenti

 

Il diavolo è un travestito. Nel senso che cerca di apparire sempre sotto mentite spoglie, facendo credere di essere Gesù. Non dovrebbe meravigliare che i demoni spesso cercano di apparire come angeli, santi, la Beata Vergine Maria o Gesù stesso, dal momento che San Paolo ci avverte di stare in guardia, affermando che “Satana si traveste da angelo di luce”. (2 Corinzi 11,14). Suor Josefa Menendez scrive: “La notte del 13 o 14 Gennaio 1922 il diavolo ha cominciato ancora una volta a torturarmi. Ha cercato di costringermi ad abbandonare la mia vocazione. Nella sua furia ha anche cercato di ingannarmi prendendo le sembianze di Gesù”. Il diavolo continuò a cercare ad apparirle come Gesù e per porre rimedio a questo problema il suo direttore spirituale – Padre Boyer –in un primo momento la invitò a rinnovare la sua professione dei voti ogni volta che riceveva la una visita “celeste”. Alla comparsa del “visitatore”, le disse di recitare le Divine Lodi, facendole ripetere anche ai suoi visitatori. Nel loro grande orgoglio e odio contro Dio i demoni non avrebbero mai potuto pronunciare una delle benedizioni e delle lodi divine, come “Sia benedetto Dio” o “Benedetto sia Gesù Cristo”. Il direttore spirituale di Josefa quasi sicuramente scoprì questa nuova arma potente contro i demoni, leggendo la biografia di Santa Gemma Galgani (1878-1903), perché era proprio attraverso la recita della Divine Lodi, che Gemma fu finalmente in grado di contrastare il diavolo che spesso le appariva sotto diversi travestimenti, nel tentativo di ingannarla. Gemma aveva imparato – grazie al suo direttore spirituale, il Venerabile Padre Germano – che il diavolo ha le labbra inquinate e non è mai in grado di pronunciare queste parole di lode e di benedizione. Lucifero disse a Santa Gemma Galgani: “Prega pure per te stessa, ma se pregherai per gli altri te la farò pagare a caro prezzo!” Gli attacchi che i demoni intrapresero contro la mistica e stimmatizzata Santa Gemma Galgani sono leggendari. Conosciuta per le sue straordinarie virtù e un profondo amore per Gesù e Maria, Gemma aveva solo 25 anni quando morì nel 1903 dopo aver raggiunto un alto grado di santità. Il diavolo le apparve in molte forme diverse: un uomo peloso e un cane nero che la aggredirono senza pietà; una pantera nera e un angelo splendente di luce. Il diavolo usò questi travestimenti malvagi al punto di fingere di essere un sacerdote con cui Gemma voleva confessarsi – Monsignor Giovanni Volpi – un prete che aveva conosciuto per quasi tutta la sua vita. Un giorno entrò in chiesa, e mentre si preparava a confessarsi, vide che Monsignor Volpi che era già in confessionale. Questo fatto che la sorprese, non avendolo visto entrare in chiesa. Allo stesso tempo cominciò a sentirsi molto turbata nello spirito, come in genere le accadeva quando vi era la presenza di spiriti maligni. Entrò tuttavia nel confessionale e iniziò la sua confessione, come al solito. La voce e i modi erano quelli del confessore che conosceva fin dall’infanzia, ma le parole e i consigli del sacerdote non erano pii, ed erano accompagnati da gesti impropri. «Mio Dio» – esclamò Gemma – «cosa è successo?» Gemma si rese conto che il confessore era il diavolo sotto mentite spoglie. Lasciò in fretta il confessionale e vide che il falso confessore era scomparso. Ebbe la conferma allora che era il diavolo, che con i suoi modi rozzi e diabolici aveva cercato di ingannarla o almeno farle perdere ogni fiducia nel ministro di Dio.

Giorgio Nadali

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.