Paradiso e ritorno per la dottoressa Mary

Paradiso e ritorno per la dottoressa Mary

 

Per la dottoressa Mary Neal – chirurgo ortopedico americana – un viaggio in Cile per praticare lo sport del kayak si è trasformato in un viaggio di andata e ritorno nel Paradiso. Il kayak è una canoa monoposto che viene spinta con una pagaia a doppia pala. Nel 1999 con il marito Bill progettò un’avventura che condusse Mary in un viaggio verso l’aldilà. “A me e mio marito piace molto il kayak – spiega – Ci piace viaggiare. Parliamo spagnolo. Abbiamo viaggiato a livello internazionale varie volte. Così, per il compleanno di mio marito ho detto, ‘Ok, questo è l’anno giusto.’ Siamo andati in Cile per una vacanza di kayak. ”

Dopo una settimana di kayak, Bill saltò la giornata finale per via di un mal di schiena. Mary e il resto del suo gruppo proseguì per un tratto insidioso del fiume. “Questa è una sezione del fiume che è molto nota per le sue cascate. Si tratta di salti da 3 a 4 metri, 6 metri al massimo, che forse per un canoista esperto non rappresentano un problema. Andai sopra il salto principale e potei vedere l’enorme turbolenza e volume dell’acqua. Appena il mio kayak colpì la parte inferiore della cascata, l’estremità anteriore della mia barca andò fuori controllo. Io e la mia barca fummo immediatamente e completamente sommersi. Il volume e la forza dell’acqua erano tale che fui spinta contro la parte anteriore della barca e non riuscivo a muovere le braccia abbastanza per raggiungere il mio salvagente e spingermi fuori”.

Mary era bloccata. L’unica cosa che poteva fare era pregare. “Ho molto sinceramente chiesto a che Dio che fosse fatta la sua volontà, e dicevo sul serio. Non ho detto ‘Oh, per favore vieni a salvarmi.’ Davvero, sul serio. Ho chiesto che fosse fatta la volontà di Dio e nel momento in cui l’ho chiesto ho sentito il suo conforto e rassicurazione che tutto andava bene; che mio marito sarebbe stato bene, i miei quattro figli piccoli sarebbero cresciuti bene indipendentemente dal fatto che avessi vissuto o no. E credo che Cristo mi tratteneva mentre ero ancora sulla barca e quello che mi rassicurava”.

Dopo alcuni minuti di ricerca, i capigruppo capirono che Mary era intrappolata sotto le cascate. Corsero verso le rocce e cercavano di disincagliare la barca, ma la forza e il volume dell’acqua era troppo forte. “Semplicemente non potevano arrivare a me. A un certo punto si è trattato davvero un recupero del corpo, non tanto di un salvataggio”.

“Il mio corpo si stava veniva lentamente risucchiato. Sentivo le mie ginocchia piegate su se stesse. Sono un chirurgo ortopedico. Analiticamente pensavo, ‘Be’, sento che la mia tibia probabilmente si sia rotta. ‘Ma io non urlavo. Non ho avuto dolore. Non ho avuto paura. Non ho avuto il senso di fame d’aria. So che sono stato sott’acqua troppo a lungo di essere viva, ma mi sentivo più viva che mai. Questo è più reale di qualsiasi cosa io abbia mai visto. Poi sentii il mio corpo liberarsi dalla barca e il mio spirito liberarsi dal mio corpo e alzarsi sopra il fiume “.

Mary guardò giù sul fiume, come aveva lasciato il suo corpo. Poi fu accolta da un gruppo di esseri celesti. “Erano assolutamente felici di vedermi e salutarmi. Sapevo che mi avevano conosciuto e amato me finché io esistevo e sapevo che io li avevo conosciuto e amato. Sapevo che erano stati mandati da Dio. ”

“Mi hanno condotta attraverso questo percorso di eccezionale bellezza che era brillante e che mi stava portando verso questa grande struttura a cupola che non solo esplodeva per la bellezza e il colore, ma anche per l’amore assoluto di Dio. Era oltre tutto ciò che potrei mai descrivere o mai veramente spiegare e non vedevo l’ora di arrivarvi. Ero assolutamente sopraffatta con questa sensazione di essere a casa, di essere dove appartenevo. Ma altrettanto rapidamente, c’era questo senso di delusione che scese su tutti. Gli spiriti che mi avevano accompagnata mi dissero che non era il mio tempo e che avevo ancora da fare sulla terra e che dovevo tornare al mio corpo. ”

Dopo quello che a lei sembrarono ore trascorse con gli spiriti celesti, la dottoressa Neal tornò al fiume e guardò i suoi amici mentre recuperato il suo corpo. “Vedevo il mio corpo mentre veniva tirato a riva e potei vedere i ragazzi che iniziavano la rianimazione cardiopolmonare. Mi sentivo come se il mio corpo stesse guardando dritto verso di me e mi pregava di tornare e prendere un respiro. Mi sdraiai e mi sentii riunita al mio corpo”.

La dottoressa Neal fu incosciente per più di quindici minuti, forse 25 minuti – certamente più di quanto la scienza medica sia in grado di spiegare la sua sopravvivenza. Poi volò di nuovo negli Stati Uniti dove lentamente recuperò le sue ferite. Nel suo libro – “In Paradiso e ritorno” – racconta di come la realtà dell’amore di Dio l’abbia cambiata per l’eternità.

“Tutte le promesse di Dio sono vere. Dio ama ognuno di noi e davvero è lì e sta lavorando in ciascuna delle nostre vite. Che l’amore è tutto. Se veramente potessimo accettarlo, cambierebbe tutto. Cambia il modo di vedere in ogni momento di ogni giorno. Il fatto che ci sia davvero la vita dopo la morte cambia profondamente il modo di approccio in ogni momento”.

 Giorgio Nadali

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.