Howard Storm: Ho visto l’inferno

Howard Storm: Ho visto l’inferno

 

Terribile l’esperienza di Howard Storm, un americano che ha dichiarato di aver letteralmente visto l’inferno. Prima della sua esperienza di pre-morte, Howard Storm era un professore di arte presso Northern Kentucky University, non era un uomo dal carattere molto piacevole per sua stessa ammissione. Era un ateo dichiarato e ostile ad ogni forma di religione e di coloro che la praticavano. Spesso usava la collera per controllare tutti intorno a lui e non trovavamai gioia in qualcosa. Tutto ciò che non era possibile vedere, toccare o sentire, non aveva senso per lui. Era certo che il mondo materiale fosse l’unica realtà. Howard considerava tutti i sistemi di credenze collegati con la religione come fantasie per persone ignoranti. Oltre alla scienza non c’era altro. Il 1 giugno 1985 all’età di 38 anni, Howard Storm ha avuto un esperienza di pre-morte a causa di una perforazione dello stomaco e la sua vita è cambiata. La sua esperienza di pre-morte è uno dei più profondi, se non la più profonda, esperienza aldilà mai documentata. La sua vita era così immensamente cambiata dopo la sua esperienza di pre-morte, che si è dimesso come professore e ha dedicato il suo tempo frequentando il Seminario Teologico per diventare un Ministro sacro della Chiesa Unita di Cristo. Howard racconta: “Per qualche tempo restai in uno stato di incoscienza o di sonno. Non sono sicuro di quanto sia durato, ma mi sentivo davvero strano, così aprii gli occhi. Con mia sorpresa mi ritrovai in piedi accanto al letto, mentre guardavo il mio corpo disteso nel letto.

La mia prima reazione fu: “È pazzesco! Non posso star qui a guardare me stesso. È impossibile… Poi sentii il mio nome. Qualcuno chiamava “Howard, Howard, vieni qui”. Mi chiesi da dove provenisse il richiamo, e scoprii che veniva da oltre la porta della stanza. C’erano diverse voci che mi chiamavano. Domandai chi erano, e dissero: “Siamo qui per prenderci cura di te. Con una certa riluttanza, avanzai nel corridoio, e lì mi ritrovai in una nebbia, come una foschia. Era una foschia leggermente colorata, non densa. Potevo vedere la mia mano, per esempio, ma quelli che mi chiamavano erano 5 o 6 metri più avanti, e non riuscivo a distinguerli chiaramente. Sembravano delle silhouettes o delle sagome. A quel punto si era fatto quasi completamente buio, e mi sembrava che invece di venti o trenta, quegli esseri fossero diventati un’orda. Ognuno sembrava pronto a farsi avanti per il piacere di farmi del male. Cominciarono ad umiliarmi fisicamente nei modi più degradanti. Mentre io continuavo a battermi, mi rendevo conto che non avevano alcuna fretta di farla finita con me. Stavano giocando come il gatto col topo. Ogni nuovo assalto era annunciato da ululati stridenti. Ad un certo punto cominciarono a strappare brandelli della mia carne. Con orrore compresi che mi stavano facendo a pezzi e divorando vivo, lentamente, in modo che il loro divertimento potesse durare il più a lungo possibile. Allora gridai verso di loro: “Padre nostro, che sei nei cieli”, e frasi del genere. Questo continuò per qualche tempo finché, d’improvviso, mi accorsi che se n’erano andati.

Giorgio Nadali

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.